UNA CITTA’ CON OLTRE DUEMILA ANNI DI STORIA

L’inizio della storia di Mantova si smarrisce nel passato, confondendosi tra realtà e mito. La leggenda vuole che la fondazione della città sia avvenuta per mano dell’indovina greca Manto e che si debba a lei il nome di Mantova; più verosimilmente le origini del nome sono da attribuirsi alla divinità infernale etrusca Mantu, con riferimento agli insediamenti etruschi sul territorio mantovano, come testimonia il vicino sito archeologico del Forcello (in località Bagnolo San Vito).

 

La città vanta quindi un’origine molto antica di cui sono testimonianza gli “Amanti”, scheletri del Neolitico ritrovati sepolti abbracciati in località Valdaro, nei pressi della città. L’abitato etrusco di Mantova occupava un’area insulare che emergeva dal Mincio, corrispondente a poco più dell’attuale Piazza Sordello; proprio per la posizione elevata, questo spazio è stato abitato anche in epoca romana. Ne sono testimonianza i recenti ritrovamenti in Piazza Sordello di muri perimetrali e di mosaici di una Domus romana, insieme a numerosi altri reperti conservati al Museo Archeologico Nazionale.

 

Ma la storia di Mantova è molto complessa e articolata. La città, infatti, è stata centro delle principali vicende politiche che hanno segnato il passato della penisola italiana. A partire dall’anno 1000 fu dominata dai Canossa, i cui nomi erano destinati a essere legati per sempre alla storia della città. Seguirono i Bonacolsi poi spodestati dalla famiglia Gonzaga che mantenne il controllo sulla città dal 1328 fino al 1707.

 

Durante questo periodo, il più importante per la storia di Mantova, i grandi nomi dell’arte e della politica hanno permesso che il capoluogo mantovano fosse uno dei più importanti centri di potere e sapere nelle varie epoche. Virgilio, Matilde di Canossa, Andrea Mantegna, sono solo alcune delle personalità che hanno reso grande il nome della città dei Gonzaga.

 

La città, dopo varie vicissitudini, guerre e pestilenze, divenne parte del neonato Stato Italiano a partire dal 1866.

Vuoi essere il primo a saperlo?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi le anteprime delle offerte
Oppure
Seguici su